Fucina Culturale Machiavelli chiude in bellezza la stagione estiva e non vede l’ora di farvi scoprire le novità per il futuro.

L’Anno della Cicala è stato molto particolare, a causa dell’emergenza sanitaria che ci ha colpito. Grazie al sostegno del nostro pubblico però siamo riusciti a chiudere in bellezza e con molte soddisfazioni. La conclusione con il concerto dei ragazzi di “School of Rock” del Campus organizzato a Villa Buri al Festival Gambe all’aria è stata molto emozionante.

L’Anno della Cicala ha visto la realizzazione della rassegna estiva di teatro e musica e del Festival Gambe all’Aria, fortemente voluto da Fucina Culturale Machiavelli, Bam!Bam! Teatro e Mitmacherun festival per ritornare in presenza all’aria aperta a rivivere gli eventi dal vivo

Ma prima ancora dell’inizio delle nostre rassegne estive, abbiamo voluto festeggiare assieme i concerti dal vivo e la ripartenza dei teatri, con due serate speciali. Per inaugurare questa stagione in Fucina, infatti, abbiamo pensato al Festival di San Remoto. Il 7 e 8 maggio 2021 si sono svolte due serate di concerti dal vivo. Negli spazi del teatro c’era il pubblico in presenza e nello stesso momento anche in streaming su Youtube. Una versione duale per dar il via ad una stagione particolare. Sul palco si sono esibite due band : Bruce and Steve con il loro Literary folk. Folk l’origine di ogni anima musicale e Literary perché anche usare le parole è un mestiere; e poi la C-Zek Band un progetto blues, contaminato dal funk rock, che ha unito cinque musicisti professionisti.

La stagione di Teatro “L’Anno della Cicala. E si torna a Cantare” è stata una rassegna breve ma molto intensa.

Tra fine maggio e inizio giugno sono stati portati in scena tre spettacoli teatrali. Ad aprire la stagione c’è stato  il  grande debutto della nuova produzione di Fucina Culturale Machiavelli: Edipo Re in Virtual Reality.
La produzione è frutto di due anni di attività e
 del lavoro di una squadra dei migliori professionisti del teatro, del cinema, della realtà virtuale, in collaborazione con la startup Ximula di Eugenio Perinelli.

A seguire poi sul palco di Fucina ci sono stati due spettacoli di artisti di rilievo nazionale. A grande richiesta, è tornato il titolo che avrebbe dovuto inaugurare la stagione invernale 20-21, l’applauditissimo Antropolaroid, di Tindaro Granata, che dopo undici anni è arrivato a Verona con il suo spettacolo emozionale e ricco di riflessioni. Uno spettacolo di cupa bellezza, attraversato da un’inquietudine dolorosa. A tratti si coglie ugualmente, amaramente, l’occasione di ridere, per la caratterizzazione dei personaggi, il loro susseguirsi sulla scena, per l’abilità stessa dell’attore nel trasformarsi: tante le metamorfosi.
Abbiamo poi continuato con il primo titolo cancellato nella rassegna 19-20 “Peppa Pig prende coscienza di essere un suino”, testo dell’affermato drammaturgo Davide Carnevali con l’attore Fabrizio Martorelli. Un viaggio che inizia raccontando gioie e dolori della (mal)educazione infantile e finisce con un’amara riflessione sulla perdita del valore del gesto artistico nella nostra società.

Nonostante alcune restrizioni fossero ancora in vigore, come il coprifuoco, il pubblico si è dimostrato interessato e partecipativo durante tutti gli spettacoli.
La novità di Edipo Re in Virtual Reality ha attirato anche i più giovani e i due spettacoli di teatro contemporaneo hanno fatto tornare in Fucina il nostro pubblico più affezionato.

Questa ripartenza è stata molto attesa e nella speranza di non dover chiudere più il teatro stiamo lavorando a tutta la stagione autunnale portando in scena spettacoli inediti.

E quindi uscimmo a riveder le stelle” La rassegna musicale dell’Orchestra Machiavelli nel Chiostro di San Luca a Verona e nella Chiesa di Santa Caterina a Padova

La rassegna musicale di Verona sostenuta da Phoenix Group ha riscosso molto successo. Sei concerti in collaborazione con il Quartetto Maffei, la Bottega Tartiniana e l’Orchestra dei Giovani Archi Veneti. 

Tra maggio e giugno il Chiostro di San Luca dalle ore 20.00 è diventato il Chiostro della musica classica, si sono condivise emozioni e note musicali in presenza come non si faceva da tanto tempo.

Anche a Padova per sei domeniche tra maggio e giugno dalle ore 17.30 nella Chiesa di Santa Caterina, è stata portata in scena la rassegna musicale sostenuta da Fondazione Cariparo e in collaborazione con il Centro Universitario Padovano.

Il pubblico ha partecipato con entusiasmo riappropriandosi del suo ruolo di spettatore dal vivo. Più di 350 persone si sono lasciate trasportare dalle note di Mozart, Tchaikowsky, Ravel, Vivaldi in più concerti.

Tra gli altri “Souvenir de Florence“, “Misterioso Barocco” dove ha suonato  il giovane virtuoso Davide De Ascaniis, e il concerto “Buona Novella” di Fabrizio De Andrè –  trascrizione per voci archi e continuo.

Tutto questo è stato possibile grazie al sostegno ricevuto dai nostri spettatori, attraverso anche all’adesione al progetto membership, dedicato a tutti coloro che credono che l’arte sia nutrimento per l’anima e la mente, a coloro che continuano a cantare, testardamente, finché c’è fiato. 

La Stagione in Numeri

Il Festival estivo Gambe all’Aria

Il Festival estivo Gambe all’Aria, voluto da BamBam! Teatro, Fucina Culturale Machiavelli e Mitmacher Teatro, è stato un successo.

Le tre realtà che da tempo lavorano nel campo della cultura, hanno realizzato eventi e laboratori per tutti, con particolare attenzione ai giovani e ai piccoli. In particolare sono stati proposti Campus teatrali e Campus Musicali per bambini e adolescenti.

A tutte le attività formative, che si sono svolte nella bellissima cornice di Villa Buri, valorizzando l’aspetto sostenibile e la natura, è stata realizzata anche una rassegna di teatro, musica con spettacoli teatrali e concerti e anche di incontri con autori.

La prima edizione del Festival estivo ha riscosso molta partecipazione, soprattutto per la varietà di attività che hanno animato Villa Buri di giorno e di sera dal  23 giugno al 29 luglio 2021.

Gli spettacoli teatrali per famiglie e adulti di Bam!Bam!Teatro, MitmacherTeatro, Anomalia Teatro da Torino e della Maribor Puppet Theatre dalla Slovenia hanno visto la partecipazione di più di 400 persone. Anche i due incontri organizzati in collaborazione con la libreria di Verona Farfilò, hanno avuto grande interesse e partecipazione. Con i due autori Cristina Bellemo e Nicola Cinquetti si è fatto filò. Si è condiviso assieme una storia, che, anche se non era quella del pubblico, è riuscita a far immedesimare tutti quanti. Momenti di confronto e ascolto immersi nella natura hanno creato un’atmosfera di condivisione, che da tempo mancava.

Anche i Campus di teatro e musica hanno visto la partecipazione di molti ragazzi, felici di mettere in scena ciò che hanno imparato rispettivamente nello spettacolo teatrale “La guerra dei bottoni” e nel concerto “School of Rock”.

Visti i risultati di questa prima edizione siamo molto fiduciosi nella realizzazione dei una seconda per l’estate prossima!

Il festival è stato organizzato grazie al contributo del Comune di Verona Assessorato alle Politiche Giovanili, Assessorato all’Istruzione e Servizi sociali e al sostegno della Fondazione Giorgio Zanotto. 

E tu cosa ne pensi di questa stagione?
Faccelo sapere completando il sondaggio.

Resta aggiornato sulle attività future di Fucina

Teatro ex Centro Mazziano - Via Madonna del Terraglio 10, Verona